CONTAPASSI

In un mondo dove la velocità e gli impegni lavorativi sono sempre più intensi nella vita quotidiana di ogni individuo, la necessità di controllare la qualità e la quantità dei propri spostamenti può fare la differenza tra una vita sana ed una meno sana. Oggigiorno esistono diverse tecnologie che permettono il monitoraggio dei propri spostamenti, ma quello su cui smartphone ed orologi moderni pongono l’accento ed una presenza costante, sono i contapassi. Nelle prossime righe vedremo cosa è e quali sono le caratteristiche indispensabili per sfruttarlo al meglio nello svolgimento quotidiano dei propri spostamenti.

Cosa è e a cosa serve un contapassi

Camminare è salutare, una passeggiata di circa trenta minuti giornalieri è la soluzione migliore per stare bene e sentirsi in forma, è molto importante quindi conoscere i dati del proprio muoversi e della propria staticità; ciò può essere monitorato attraverso l’utilizzo di un contapassi. Il pedometro, o più comunemente conosciuto come contapassi, è utilizzato per conteggiare il numero di passi che vengono effettuati in un lasso di tempo definito. Il conteggio dei passi può essere effettuato grazie a diversi apparecchi tecnologici, che variano dal semplice smartphone ai più complessi smartwatch ed affini; con i modelli tecnologicamente più avanzati si ha la possibilità non solo di conoscere la distanza totale percorsa ma anche la velocità dello spostamento stesso (modelli avanzati, calcolano: passi, distanza percorsa, velocità media ed istantanea, frequenza cardiaca, consumo calorico, ora esatta).

Come accennato precedentemente, il contapassi può esistere anche negli smartphone e in altre forme di dispositivi, ma l’originale contapassi è da considerarsi quello che può essere allacciato al polso, come un orologio questo può essere legato con un cinturino oppure ai pantaloni. Ma come funziona tecnicamente un contapassi?

Per quanto si possa pensare ad una tecnologia estremamente complessa, il pedometro basa il proprio funzionamento sull’accelerometro presente al suo interno, questo misura le variazioni di accelerazione le quali sono convertite in segnali elettrici; il processore presente all’interno del dispositivo analizza i segnali elettrici e li trasforma in informazioni visualizzabili sul display. La misurazione si basa sull’ampiezza del movimento, è quindi molto importante impostare parametri di peso ed altezza per dati più precisi.

Vantaggi e svantaggi di un contapassi

Come per tutte le tecnologie anche il contapassi può avere dei vantaggi e degli svantaggi, quest’ultimi riscontrabili più nelle caratteristiche di acquisto che nell’attività pratica; un contapassi non ha teoricamente punti deboli concettualmente, ma può presentare degli svantaggi in fase di acquisto. Vediamo in breve quali sono i Pro e quali i contro di un pedometro.

I vantaggi di un contapassi

  • Motivazione

Possedere un pedometro ha come vantaggio quello di motivare colui che lo indossa nell’effettuare i passi prefissati ogni giorno. Il sapere di dover effettuare un determinato numero di passi ogni giorno, dona inconsciamente una volontà ed un obbiettivo che senza contapassi difficilmente si possono avere.

  • Facile e veloce

Uno dei vantaggi più apprezzati è sicuramente la grande facilità di utilizzo. Indossare ed essere subito pronti al monitoraggio dei propri passi, è una caratteristica che in pochi prodotti tecnologici hanno. Oltre ad un obbiettivo impostato inizialmente sul numero di passi da effettuare, il dispositivo è subito pronto a segnalare i fatidici 10000 passi; veloce, comodo e semplice per tutti; siano essi bambini che adulti.

  • Costo versatile

Il mercato dei contapassi offre un’infinita disponibilità di modelli e quindi una grande variazione di prezzi per tutti i gusti e le tasche. A seconda dei materiali utilizzati e della qualità dell’accelerometro, un pedometro può essere acquistato sia a pochi euro che a costi Premium; un’ottima versatilità per accontentare tutti.

Gli svantaggi di un contapassi

  • Costo versatile, ma…

Se è pur vero che la versatilità del prezzo di acquisto è un vantaggio, è ancor più vero che se si vuole usufruire di un prodotto di alta qualità e che permetta anche di registrare dati come velocità e calorie bruciate, fondamentale è rivolgere lo sguardo verso i prodotti di alta fascia. Quest’ultimi però hanno un costo non indifferente e non sono rivolti a tutte le tasche.

  • Fitness si, ma non esageriamo

Uno degli svantaggi su cui si discute più spesso nel campo del fitness, è sicuramente quello della troppa immersione in questo mondo. Fissare un obbiettivo è importante ma farlo diventare un’ossessione no. Il contapassi può dare una motivazione importante per eliminare la sedentarietà, ma può instaurare psicologicamente una piccola ansia in colui che lo utilizza. Evidente che ciò sia estremizzato, ma non bisogna sottovalutare l’aspetto mentale di un utilizzatore di tecnologia fitness.

Caratteristiche di un contapassi che sono da considerare per la scelta

Una volta identificato lo scopo di un contapassi ed i diversi pro e contro è molto importante capire quali siano le linee guida e le caratteristiche da ricercare quando si decide di acquistarne uno. Prima di tutto è necessario capire quali siano i propri bisogni, in base a ciò che si ha intenzione di monitorare si può vincolare la scelta verso un prodotto o verso un altro. Vediamo le caratteristiche principali su cui fare attenzione:

  • Materiali

Un pedometro costruito con materiali di ottima qualità durerà nel tempo e garantirà una resistenza maggiore ad urti e graffi.

  • Display

Se si utilizza il contapassi nelle ore di intensa luce, è molto importante acquistare un prodotto che disponga di un Display molto luminoso.

  • Connettività

Un contapassi di qualità dà la possibilità a colui che lo utilizza di poter connettere, attraverso Bluetooth, il proprio dispositivo allo smartphone.

  • Allarme

Non tutti sono a conoscenza del fatto che un contapassi può avere la funzione di allarme. Questa molto utile per le donne che camminano in luoghi isolati; infatti attraverso questa funzione si attiva un dispositivo sonoro che funge da strumento di sicurezza in casi di emergenza.

Conclusioni

Possedere un contapassi può risultare molto utile per analizzare e monitorare la propria capacità di movimento, stare bene con il proprio corpo è fondamentale per una vita sana e che dia motivazione anche nell’affrontare le ostilità di tutti i giorni.